Salute, bimbi "meno intelligenti" se vanno al nido

Red/Mpd

Bologna, 20 ott. (askanews) - Mamma e papà devono lavorare, c'è da trovare una soluzione per il figlio di pochi mesi: meglio affidarlo alle cure dei nonni o di una babysitter, o degli stessi genitori riducendo magari l'orario lavorativo, oppure iscriverlo all'asilo nido? Dipende dal contesto familiare di partenza: il nido è infatti un'opportunità per i bimbi che provengono da contesti socio-economici svantaggiati, ma un "rischio" per i figli di famiglie abbienti, come dimostra uno studio discusso in occasione del IV Forum della Società Italiana Medici Pediatri (SIMPe) e dell'Osservatorio Nazionale sulla salute dell'infanzia e dell'adolescenza (Paidòss), in corso a Bologna.

L'indagine mostra infatti che nei piccoli accuditi informalmente da un adulto il quoziente intellettivo misurato alcuni anni dopo, fra gli 8 e i 13 anni, è di 5 punti più elevato rispetto a quello dei coetanei che hanno frequentato il nido; diminuisce però in compenso il rischio di ritrovarsi con qualche chilo di troppo durante la preadolescenza. Lo studio, condotto da Margherita Fort, Andrea Ichino e Giulio Zanella del dipartimento di Scienze Economiche dell'università di Bologna, ha coinvolto circa 500 famiglie che fra il 2001 e il 2005 avevano fatto richiesta di iscrivere il proprio figlio a uno degli asili nido pubblici del Comune di Bologna. Le differenze statisticamente significative sono due: i piccoli che avevano frequentato il nido fra zero e due anni avevano un minor rischio di obesità, ma anche un QI di 5 punti inferiore a chi era stato accudito da un adulto, che fosse un nonno o una babysitter o gli stessi genitori. Un calo non preoccupante, visto che i piccoli bolognesi sono risultati molto intelligenti: il QI medio è risultato pari a 116, contro un valore di 100 della media nazionale, per cui anche i "meno intelligenti" erano comunque bimbi assai brillanti.

"L'effetto sull'obesità si spiega con l'elevata qualità dei servizi nutrizionali scolastici a Bologna, che evidentemente pongono le basi per un'educazione alimentare adeguata che perdura negli anni successivi - commenta Zanella - il calo di QI è spiegabile considerando che il nostro campione ha incluso famiglie benestanti, con entrambi i genitori lavoratori e un reddito medio complessivo di 80.000 euro l'anno: i figli di questi genitori sono molto stimolati nell'ambiente domestico e non sono paragonabili ai piccoli primi in graduatoria, che arrivano da contesti sociali svantaggiati. Quando l'ambiente familiare è stimolante, per lo sviluppo cognitivo del bimbo assume molta più importanza l'interazione uno a uno con l'adulto: l'asilo è un luogo di socializzazione quando i bambini sono più grandicelli, a meno di uno o due anni di vita le interazioni sociali con i coetanei presenti al nido sono pressoché nulle e conta invece assai di più la presenza di un adulto che fornisca stimoli".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità