Salute: clinica “Santa Famiglia” presenta “La forza della fragilita”

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 apr. (askanews) - "Siamo tutti fragili: specialmente oggi dopo una pandemia mondiale che ha ucciso milioni di persone e che ha cambiato le nostre vite. Siamo tutti fragili in queste ore di guerra con le immagini di razzi che esplodono e di lacrime e dolore sul volto di chi vede crollare tutto. Siamo tutti fragili: dentro di noi lo sappiamo, lo abbiamo capito, lo abbiamo sentito e lo abbiamo accettato. Da qui nasce la forza, una forza capace di cambiare con l'amore e la pazienza di chi sa....".

A spiegare questa "rivoluzione silenziosa e inarrestabile" e' monsignor Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia accademia per la vita, nel suo libro "La forza della fragilità", edito da Laterza e presentato presso la clinica Santa Famiglia di Roma. "Fragilita' - ha spiegato ancora il 'ministro' vaticano della Bioetica - come capacita' di capire, accettare, resistere e andare oltre includendo, accogliendo, crescendo. E nella nostra societa' i piu' fragili sono gli anziani che vengono spesso visti come cio' che resta, cio' che avanza ma che non ha piu' senso ne' sostanza. In questo mondo che respinge, macina ed espelle i fragili sono loro e anche, paradossalmente, i piu' piccoli: i figli. Fragili tutti e due per natura, ma fragili anche perche' ai margini di questa vita che esalta altri concetti e che procede su altre velocita'... fino ad oggi".

Il tema affrontato da Monsignor Paglia è cruciale: "In questi primi venti anni del XXI secolo abbiamo assistito a tragedie che non pensavamo possibili. È facile essere pessimisti. Ci sono però altrettante ragioni per sperare in un futuro migliore: siamo tutti radicalmente fragili, ma è dalla consapevolezza di questa comune vulnerabilità che si possono rifondare le basi della convivenza tra gli uomini".

"La donna in gravidanza incarna la fragilità che genera nuova vita: il seme di una nuova vita chiede alla donna una disponibilità, di fare spazio al cambiamento (un grande cambiamento del suo corpo, della psiche e del suo stato emotivo), che la mette in crisi non solo durante la gestazione ma anche nelle settimane dopo il parto. Quella stessa fragilità che mette in crisi è la stessa forza che permette a una nuova vita di nascere, a un essere umano di venire al mondo", ha dichiarato Donatella Possemato, Presidente di Imprese per la Vita, promotrice dell'iniziativa.

"Noi neonatologi assistiamo quotidianamente i soggetti più fragili, i neonati, in particolare i prematuri, che nascono con gravi patologie e arrivano a pesare anche solo poche centinaia di grammi alla nascita. Eppure abbiamo la consapevolezza e la testimonianza che dietro questa estrema fragilità si nasconde una grandissima forza - queste le parole del Presidente della Società Italiana di Neonatologia, dott. Luigi Orfeo. "Quella dei bambini che ricevono le nostre cure e che grazie al sostegno di medici specializzati ed infermieri riescono a recuperare spesso completamente senza riportare sequele. Quella delle famiglie, dei genitori e delle associazioni di volontari che condividono le stesse difficoltà e insieme, con amore e generosità, riescono ad affrontare anche le situazioni più complicate. La fragilità ci rende vulnerabili, ma genera forza, condivisione e solidarietà".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli