Salute, eccessivo uso schermi: "occhio secco" patologia in crescita

Cro/Mpd

Roma, 17 set. (askanews) - I maggiori esperti della vista statunitensi ed europei sono attesi a Roma il prossimo 21 settembre, per discutere di malattie dell'apparato visivo, che possono compromettere gravemente la qualità della vita, e di soluzioni future innovative. Si concentreranno in particolare sulla secchezza oculare. Le malattie della superficie oculare sono infatti una delle cause più frequenti di visita da parte dei pazienti presso gli studi medici oculistici e sono oggi divenute un problema a livello globale, che affligge almeno 300 milioni di persone in tutto il mondo con impatto sulle attività quotidiane e sulla qualità dell'esistenza. Dopo i 50 anni il problema interessa tra il 20 e il 30 per cento della popolazione con una incidenza doppia nelle donne e dal 5 al 35 per cento in tutte le fasce di età.

La società scientifica americana Tear Film & Ocular Surface Society (TFOS), con sede a Boston, ha scelto la capitale italiana per riunire i suoi "European Ambassadors" e affrontare con loro la tematica "Malattie della superficie oculare: Bisogni insoddisfatti e future soluzioni scientifiche e cliniche". Insieme, analizzeranno la diagnosi ed il trattamento di tali malattie, e le modalità di gestione nei rispettivi paesi rappresentati, oltre 20, in modo da aumentarne la conoscenza, capirne l'impatto globale, in costante crescita, e condividere le esperienze medico scientifiche provenienti da ciascun paese.

(Segue)