Salute: esperto Usa, chi mangia acido invecchia prima e si ammala di piu'

Roma, 4 mag. (Adnkronos Salute) - "I cibi consumati dalla maggior parte della popolazione mondiale sono acidificanti. Dalle carni ai formaggi, alle bevande, soprattutto quelle gassate e dolcificate. Sono alimenti che 'sporcano' il sangue, portando a un invecchiamento precoce e predisponendo a malattie come obesità, diabete, tumori, patologie reumatiche e cardiopatie. Il segreto per evitare di vivere male sta, insomma, nella dieta alcalina". Ne è convinto Robert Young, microbiologo e naturopata, famoso per i suoi studi sulla alcalinità e sull’equilibrio del Ph nel sangue, che domenica 6 maggio parteciperà al convegno 'Donna, cibo e paure', in programma a Roma.

L'appuntamento, nell'area eventi della White Gallery a Roma, è organizzato dall’associazione Artemisia Onlus, con il patrocinio della Regione Lazio e della Provincia di Roma. Proprio grazie agli studi di Young si è approfondita la conoscenza dei fattori di acidità nel sangue. Il naturopata nel corso del convegno mostrerà come un globulo rosso di una persona, attraverso le sue caratteristiche, possa dire molto sullo stato di malessere (Ph acido) o benessere (Ph alcalino) del 'proprietario'. Secondo Young, infatti, il nostro Ph corporeo deve essere sempre in omeostasi (equilibrio acido-base) e la dieta alcalina (o alcalinizzante) considera il Ph del sangue in particolare che deve rimanere leggermente alcalino.

Secondo il naturopata, "ciò che facciamo e ciò che mangiamo, ciò che beviamo e perfino ciò che pensiamo può portare a una condizione di iperacidità. E' quindi davvero molto importante concentrarci su cibi più basici come per esempio gli spinaci o il sedano. D'altra parte quando ingrassiamo andiamo nel panico e quindi perdiamo anche il controllo di ciò che mangiamo, soprattutto dei cibi acidi. Sono molti gli alimenti che dobbiamo evitare - sostiene l'esperto - formaggi, carni fra cui anche manzo e pollo, cibi conservati, bevande zuccherate, gassate o alcoliche, crostacei, funghi, dolci".

I dietologi americani "hanno già capito da tempo che la maggioranza della popolazione assume cibi troppo acidi. Questa iperacidità che investe il nostro corpo - sostiene Young - ci fa sentire malati, stanchi e in sovrappeso. Le proteine animali, i prodotti di uso quotidiano e anche l'acqua sbagliata, quella troppo acida, sono alla base di tutto il processo. Se non vengono eliminati si depositano sui tessuti adiposi e sul tessuto connettivo, facendoci ingrassare e predisponendoci ad ammalarci più facilmente".

Via libera, invece, nella dieta alcalina a verdure crude, frutta a basso contenuto di zuccheri, legumi, cereali, tuberi e alcuni semi, mandorle e noci in primis, pesce come spigola, trota, salmone e tonno. "Quando si inizia una dieta simile si possono perdere anche quattro chilogrammi al giorno - afferma Young - Non è una questione di calorie, di proteine, di grassi e nemmeno di carboidrati. E' solamente una questione di scegliere se alcalinizzare il flusso sanguigno oppure acidificarlo". Secondo Young, inoltre, "quando facciamo esercizio fisico il nostro organismo produce acido lattico ed è proprio questo che viene disperso nei tessuti adiposi e spinge l'organismo a innescare il suo processo di preservazione, facendoci sentire più affaticati, stanchi e appesantiti".

Quindi sì all’esercizio fisico per sudare ed eliminare gli acidi attraverso la traspirazione, ma no a sport faticosi che producono troppo acido lattico. Attraverso il sangue inoltre, sostengono gli esperti, si possono conoscere anche i maggiori elementi di paura di un individuo. Secondo Alessandro Rubino, psicologo specializzato in psicologia psicosomatica, "il Dna conserva un progetto e lo esprime attraverso i suoi tratti somatici di ognuno di noi. Morfologia delle orecchie, funzionalità cerebrale, insieme al tono della propria voce, possono indicare dei principi di coerenza con cibi, ambienti, persone, professioni, interessi. Tutte le malattie, soprattutto quelle croniche, dichiarano un allontanamento da questo progetto". Il cibo sbagliato "è la conseguenza di un disagio emotivo, frutto di discostamento dal progetto iscritto e visibile anche nel sangue, attraverso Ph, radicali e vitalità. In questo quadro la componente psicologica è importantissima nel ripristinare il quadro di salute di una persona".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno