Salute, lo psicologo: a San Valentino stanno meglio i single -2-

Cro-Mpd

Roma, 4 feb. (askanews) - Non essere in coppia e dunque avere più tempo da dedicare al proprio percorso di studi, allo sport e alla carriera è senza dubbio uno dei vantaggi più significativi della singletudine in questa fascia d'età. Molti tra coloro che non hanno avuto relazioni amorose per lunghi periodi tra i 20 e i 30 anni, spesso oggi ricoprono posizioni lavorative di maggiore prestigio. Questo perché ogni relazione amorosa richiede una quantità di energie, denaro e compromessi che non possono essere incanalati nella costruzione di progetti privati.

L'assenza di un partner fisso durante questo periodo di vita non necessariamente stimola la sperimentazione sessuale, in quanto sono soprattutto il tessuto sociale e l'ambiente culturale a giocare un ruolo chiave. Infatti ragazzi e ragazze - indipendentemente dal genere, che non è un indicatore di comportamento - qui strutturano personalità e convinzioni. Ad esempio, se un giovane cresce in un ambiente disinibito dove il rapporto sessuale è normalizzato, è più probabile che sia predisposto alla sperimentazione, al contrario chi vive dove l'idea primaria è desiderare una relazione stabile, è probabile che lo sia molto meno.

I trentenni di oggi sono molto differenti rispetto a quelli di 10 anni fa perché la società è cambiata molto, sia per il protrarsi della fase adolescenziale sia per il prolungarsi del percorso di studi necessario a diventare professionisti affermati. Infine, l'attuale situazione economica non ha permesso a tutti di essere indipendenti e avere un'abitazione altra dalla famiglia di origine. Molti di loro, dovendo rimanere a casa dei genitori, non si pongono l'obiettivo primario di costruire una famiglia propria, ma preferiscono investire in hobby e svaghi. Tale situazione genera una seconda adolescenza priva dei difetti della precedente (dove molte insicurezze sono state affrontate, si ha denaro per propri piaceri e la libertà di un adulto) portando a preferire l'indipendenza rispetto alla creazione di un'unione consolidata.

Anche a livello sessuale, i trentenni single dei nostri giorni sono più attivi e disinibiti rispetto ai coetanei di 10 anni fa: per attitudine adolescenziale, potere economico e per le nuove tecnologie e app di incontri che facilitano l'avvicinamento a più partner. (Segue)