Salute, lotta a cecità: in Abruzzo visite gratuite -2-

Cro-Mpd

Pescara, 18 ott. (askanews) - L'Abruzzo avrà un ruolo centrale in quanto regione scelta dalla IAPB per avviare il primo progetto di telemedicina nel campo dell'oculistica. A illustrarlo è stato il direttore del Centro nazionale di alta tecnologia in oftalmologia, Leonardo Mastropasqua: "È un progetto pilota e un progetto ambizioso. Non possiamo sbagliare", ha detto. Grazie alla telemedicina, è stato ricordato, in Gran Bretagna si riescono a fare diagnosi sull'82% dei pazienti a fronte dell'8,2% registrato in Italia. Con questa tecnologia si possono "spostare le immagini, invece dei malati. Avremo in ogni centro diabetico della regione Abruzzo strumenti che fotografano il fondo dell'occhio. Le foto verranno mandate al nostro centro e saremo così in grado di fare immediatamente una diagnosi permettendo di prendere subito in cura il paziente e portando vantaggi per la Regione e le Asl in termini di spesa e riduzione delle liste d'attesa".

Alla presentazione hanno partecipato l'assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì, il direttore generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael, il presidente dell'Intergruppo parlamentare tutela della vista, Paolo Russo, il direttore dell'Unità operativa complessa territoriale di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Agostino Consoli, e il vicepresidente della Iapb Italia onlus Michele Corcio.

(Segue)