Salute, Ministero richiama lotto di conserva fermentata spalmabile

·2 minuto per la lettura
Ministero richiama lotto di conserva fermentata spalmabile
Ministero richiama lotto di conserva fermentata spalmabile

Dopo il recente ritiro dal commercio, in via precauzionale, di un lotto di fiammiferi di speck a marchio La Fattoria di MD, sul sito del Ministero della Salute, in data 17 aprile, è stato lanciato un nuovo richiamo alimentare.

L’allerta del Ministero della Salute

Questa volta ad essere ritirato dai supermercati, a causa di un rischio chimico, è un lotto della Pizzicata – Conserva fermentata di pesce stagionato Pizzicata del marchio commerciale Offishina, prodotta dalla ditta Officina Ittica Srl, con sede in via Extramurale Levante 26 a Matino, provincia di Lecce.

Il lotto ritirato

Il numero del lotto di produzione coinvolto nel richiamo è Piz 20/05, quello con data di scadenza o termine minimo di conservazione del 5 gennaio 2022. L’unità di vendita è rappresentata dai barattoli in vetro da 500 grammi, contenenti la conserva di pesce con peperoncino pugliese aggiunto. Il motivo del richiamo è la presenza di istamina che supera i limiti massimi consentiti dalla legge.

Anche se nelle avvertenze dell’avviso non è riportata alcuna indicazione. tuttavia, come accaduto in casi del genere, il produttore ha già provveduto a ritirare dal commercio le confezioni con il lotto in questione, mentre il consiglio per chi avesse i suddetti lotti già in casa è quello di non mangiarli e di riportarli presso il punto vendita dove è stato effettuato l’acquisto.

Salute, Ministero richiama lotto di conserva fermentata spalmabile di Offishina
Salute, Ministero richiama lotto di conserva fermentata spalmabile di Offishina

Che cos’è l’istamina

L’istamina è un composto azotato ampiamente diffuso nell’organismo ma che, se presente in alte concentrazioni negli alimenti, può scatenare problemi a chi lo assume. Questa dipende principalmente dalla ricchezza in amminoacidi liberi e dalla presenza di determinati microorganismi.
L’esempio per eccellenza di cibo ricco di istamina è proprio il conservato troppo a lungo e/o in maniera inopportuna. In particolare, nel pesce, la formazione di istamina è riconducibile in parte a fenomeni conseguenti alla morte dell’animale, ma spesso anche alla proliferazione di germi che hanno contaminato le carni.