Salute, oncologi: serve progetto nazionale per sostenere la ricerca -3-

Rus

Roma, 11 set. (askanews) - "Questo provvedimento - sottolinea il prof. Pinto nella lettera - può rappresentare un importante punto di partenza di un progetto strutturale e condiviso per la ricerca italiana. Il Decreto affronta punti rilevanti per lo sviluppo della ricerca, che i gruppi cooperativi si trovano a gestire quotidianamente, quali l'utilizzo a scopo di ricerca di materiale biologico o clinico residuo da precedenti sperimentazioni, la formazione del personale coinvolto nella ricerca, i requisiti per l'autorizzazione dei centri per la conduzione di sperimentazioni cliniche dalle fasi I alle fasi IV, l'indipendenza della sperimentazione ed i conflitti di interesse, l'identificazione degli studi no-profit e le relative facilitazioni, gli studi osservazionali, fino alla cessione dei dati dei risultati della sperimentazione no profit ai fini registrativi. Abbiamo, quindi, una grande occasione perché il nostro Paese possa realizzare e strutturare la rete per la ricerca oncologica e rispondere con un balzo in avanti alle richieste dei nostri pazienti, in una grande e reale sfida per l'innovazione. La ricerca è possibilità di 'vita' per i malati di cancro ed è un dovere istituzionale". FICOG è stata costituita nell'aprile 2015, sotto l'egida dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), dai 15 gruppi cooperativi oncologici italiani che hanno negli anni sviluppato la ricerca oncologica nel nostro Paese.