Saluto romano a Sergio Ramelli, assolti in appello

saluto romano ramelli

Sono stati tutti assolti in appello in 16 imputati per apologia del fascismo dopo aver partecipato alla commemorazione annuale per Sergio Ramelli, morto a 18 anni nel 1975. Ramelli era stato aggredito a colpi di chiave inglese e ogni anno la sua città lo ricorda nel giorno della morte. Nel corso della commemorazione del 2013, il gruppo di esponenti appartenenti a Forza Nuova e Casapound aveva fatto il saluto romano ed era stato condannato in primo grado per apologia di fascismo a un mese di reclusione, 250 euro di multa e un risarcimento di 12 mila euro all’Anpi. La sentenza in Appello ha scatenato le polemiche.

Saluto romano a Ramelli, assolti

La corte d’appello ha valutato l’assoluzione per i 16 ragazzi accusati di apologia del fascismo. Tale decisione però ha scatenato numerose polemiche, a partire dall’Anpi, nei confronti del quale i giudici in primo grado avevano chiesto un risarcimento danni. Durissima la replica: “Questa grave sentenza nonostante la nostra incalzante richiesta di condanne esemplari a chi fa apologia di fascismo, arreca ancora una volta una profonda ferita alla nostra città e alle sue tradizioni democratiche e antifasciste“. In primo grado ai 16 era stata contestata la violazione dell’articolo 5 della legge Scelba.

Il commento di La Russa

Il parlamentare di FdI, storico missino della destra milanese e parte del collegio della difesa degli imputati ha subito commentato la notizia: “Dedico l’assoluzione al mio amico Fiano, perché è venuto il tempo di distinguere il grano dal loglio: una cosa è il rispetto e la tutela dell’ordine democratico e un’altra inseguire fantasmi che non esistono“.