"Salvini è un pesce grosso. Non replico". Junior Cally rompe il silenzio su Sanremo

"Salvini è un pesce grosso, non replico" e comunque "non temo contestazioni, sono qui per cantare ed essere giudicato per quello che porto sul palco dell'Ariston". Junior Cally rompe il silenzio e a tarda ora, dopo una partita di calcetto in cui ha messo a segno 6 gol, in un campetto sintetico al Solaro, a qualche chilometro da Sanremo, dice la sua sulle polemiche che lo hanno investito per un brano di tre anni fa.

"Il male più grande è stato quello psicologico. Siamo partiti da 'chi è questo?' a essere il nemico pubblico numero 1", dice il giovane rapper romano. Aggiungendo che il linguaggio di "La Strega", il brano di tre anni fa duramente criticato. 

"Non ha qualcosa di sbagliato, va capito. Chi non lo conosce deve cercare di capirlo. Non lo trovo assolutamente sbagliato. La canzone rappresenta uno spaccato di società, io sono contro la violenza di ogni tipo. La canzone che ho scritto parla di uno spaccato della società che purtroppo esiste. Se cominciamo a leggere le prime 4 righe piuttosto che quelle lì, ci accorgiamo che è un elogio alla non violenza".