Salvini a giudizio, solidale solo la destra

Pietro Salvatori
·Giornalista politico, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Salvini a giudizio, solidale solo la destra
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Esce dal tribunale dell’Ucciardone che è appena stato rinviato a giudizio, Matteo Salvini attacca i giudici e invoca la rimozione del coprifuoco. È così che il leader della Lega calibra le prime parole di una decisione che era nell’aria, tanto che a nulla sono bastate le 110 pagine di arringa di Giulia Bongiorno, a Palermo in veste di avvocato, per un pronunciamento che ha richiesto appena qualche minuto. Spetterà a un tribunale stabilire a partire dal prossimo 15 settembre se l’ex ministro dell’Interno ha commesso i reati di sequestro di persona e rifiuto d’atti d’ufficio allorché bloccò per giorni 147 migranti a bordo della Open Arms senza autorizzare lo sbarco.

Leggi anche...

La Lega non molla la presa su Speranza

Open Arms, Matteo Salvini va a processo

“Quanto costa questo processo politico? - ha tuonato Salvini fuori dall’aula - spero di incontrare giudici senza pregiudizi”, si dice sereno e prova a riportare la lancetta a due anni fa, ai giorni dei porti chiusi e del braccio di ferro con le Ong: “Non sono preoccupato, ho fatto quello che il mio lavoro e la Costituzione chiedono, difendere la patria. Lo rifarei e lo rifarò se dovessi avere altri incarichi di Governo”. Esce in batteria tutto il centrodestra. Prima Giorgia Meloni, poi quella di Antonio Tajani, che velenosamente chiede come non siano stati rinviati a processo anche Giuseppe Conte e gli altri ministri 5 Stelle coinvolti in quella ritenuta dal Carroccio e dagli alleati una legittima decisione politica.

Fuori dall’Ucciardone Salvini prova a fare di una oggettiva difficoltà un’opportunità: sbertuccia Domenico Arcuri, si intesta le riaperture e lancia quella che è un po’ una promessa agli elettori e un po’ una minaccia agli alleati di governo: “Ora andiamo a togliere il coprifuoco”.

Nella war room del Carroccio si valuta la situazione: “Dopo la vittoria sulle riaperture che sono oggettivamente merito nostro, il con...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.