Salvini ai gazebo per le firme contro il Mes: "Ora Conte tolga il disturbo"

HuffPost
Mes

Il premier Giuseppe Conte “tolga il disturbo perché è il governo sbagliato nel posto sbagliato”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini rispondendo a una domanda sulla manovra a margine del gazebo per la raccolta firme contro il Mes. Conte dice è stata scongiurata la recessione? “Guardate l’economia italiana, è la penultima in Europa”, ha commentato Salvini. “Questo è il governo delle tasse - ha aggiunto - se le rinvii di tre mesi sempre tasse sono”.

“Grazie per le decine di migliaia di firme che stiamo raccogliendo da stamattina in 1500 piazze italiane per fermare un trattato internazionale che volevano approvare in segreto, e che mette a rischio il futuro e il lavoro di tanti cittadini italiani. Noi vogliamo stare in Europa, ma non da servi. Io vi ringrazio per quello che state facendo e farete”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, in largo Cairoli a Milano dove è allestito uno dei gazebo organizzati dalla Lega per raccogliere le firme contro il Mes. “Quando il popolo si sveglia a si mette in cammino - ha aggiunto Salvini - non si sono banchieri, finanzieri né ‘giuseppi’ che tengano”.

L’accordo raggiunto dalla maggioranza sulla manovra ”è tassare gli italiani però una volta al mese, un pò a maggio, un pò a giugno, un pò ad agosto. È
un governo che sta insieme con lo scotch, prima prendono atto e prima prende atto il presidente Mattarella che l’Italia sta perdendo aziende e credibilità nel mondo, meglio è”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a margine della visita al gazebo del partito per raccogliere le firme contro il Mes.
“Da ministro dell’Interno abbiamo lavorato per un anno con la la Libia e per la Libia e in tre mesi questi l’hanno regalata ai francesi e ai turchi, quindi sarà un problema sia economico che di sicurezza nazionale”, ha aggiunto Salvini.

La raccolta firme.

Lombardia. “I cittadini lombardi stanno mettendo nero su bianco, con la loro firma ai nostri...

Continua a leggere su HuffPost