Salvini alza tensione. Stop agli sbarchi o è difficile restare al governo

·2 minuto per la lettura

AGI - Alla vigilia dell'inizio del semestre bianco, Matteo Salvini alza la tensione interna al governo, lanciando una sorta di ultimatum sugli sbarchi. Il problema "va risolto entro agosto", scandisce il segretario leghista, o, per la Lega, sarà "difficile" sostenere un governo che in tema di arrivi di "clandestini" fa "peggio" di quanto fece Angelino Alfano al Viminale.

Il capo della Lega parla dalla festa di Milano Marittima, dove due anni fa maturò la decisione di 'staccare' la spina all'esecutivo con i 5 stelle. E riferisce di avere "scritto anche oggi" al presidente del Consiglio Mario Draghi. Al largo delle coste italiane ci sono 800 migranti soccorsi da due navi di Ong straniere, che chiedono un porto sicuro: non devono sbarcare in Italia, intima, altrimenti, per la Lega sarebbe un "grosso problema".

Salvini tira in ballo il ministri che più di una volta ha definito il "più deludente" dell'esecutivo Draghi, ovvero Luciana Lamorgese. "Se il ministro dell'Interno riesce a risolvere il problema, bene. Sennò ne prenda atto e ne tragga le conseguenze", minaccia, evocando le dimissioni di Lamorgese senza però chiederle esplicitamente.

 "Non è possibile chiedere il green pass agli italiani per andare a Gardaland o in pizzeria e poi far sbarcare migliaia di clandestini senza controlli e senza regole. Questo è un problema che entro agosto va risolto", insiste Salvini. "Abbiamo un numero di sbarchi che non si vedeva dai tempi di Alfano. Il ministro dell'Interno dia un segnale", continua. Deve dimettersi? "Se il ministro che si occupa di pubblica sicurezza non è in grado di mantenerlo è un problema: faccia qualcosa. Questi arrivi vanno bloccati".

"Sostenere un governo che in quanto a sbarchi sta facendo peggio di quanto faceva Alfano - dice - è difficile. Il governo Draghi sta facendo bene da tanti punti di vista, l'immigrazione è un colabrodo". Il capo della Lega poi stigmatizza le assenze 5 stelle al voto sulle pregiudiziali sulla riforma della giustizia a Montecitorio.

"I 5 stelle sono ormai allo sbando, se non credono più a Draghi, alle riforme e all'Italia lascino il governo e le poltrone", afferma. Poi Salvini anticipa che domani ha intenzione di incontrare a Milano marittima Giancarlo Giorgetti "perché dobbiamo parlare di Mps". "C'è il rischio che vada in Consiglio dei ministri e ci sono in ballo 7.000 posti di lavoro", dice. Infine, torna sul progetto di federazione di centrodestra, dopo che, sabato, Silvio Berlusconi, ieri, in collegamento con la Festa gli ha riconosciuto una "grande capacità di leadership". "Ho ringraziato Berlusconi e lo ringrazio per la fiducia. Conto che il progetto di un centrodestra sempre più unito e compatto e federato prenda corpo questa estate". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli