##Salvini aspetta ancora 'ritorno' M5s: c'è una possibilità

Rea

Roma, 22 ago. (askanews) - E' vero che il dialogo con il Pd è partito, ma è altrettanto vero che quello con la Lega non è stato definitivamente chiuso. Matteo Salvini, dopo l'ennesima offerta di disponibilità al M5s, vede ancora una possibilità che l'alleanza gialloverde possa ripartire. Confortato anche dal discorso di Sergio Mattarella al termine delle consultazioni: "Ha sottolineato che Pd e M5s hanno chiesto tempo per verificare un'intesa, ma ha ricordato anche che altre forze politiche gli hanno rappresentato la possibilità di ulteriori verifiche", spiegano dalla Lega.

E le speranze si poggiano su due elementi. Il primo è che "la trattativa col Pd è davvero impervia, e non è detto vada in porto". La seconda, ragiona un esponente leghista del governo dimissionario, è che "a Di Maio è stato imposto a Bibbona di fare una cosa che non gli piace, come non piace a molti parlamentari Cinque Stelle con i quali davvero abbiamo impostato un rapporto di amicizia e di collaborazione e che vorrebbero ripartire". Tanto che il capo politico M5s "non ha mai citato il Pd", e l'aprtura del dialogo "è stata affidata a Patuanelli".

Che poi questo si traduca in un rilancio dell'alleanza gialloverde, è tutto da vedere, ma il fallimento del dialogo tra M5s e Pd riporterebbe comunque - si sottolinea nel Carroccio - a quella che i leghisti continuano a rivendicare come prima opzione: il voto anticipato. Tanto che qualche leghista fa la voce grossa: "Se il M5s torna da noi dopo che è fallito il dialogo col Pd, non è detto che trovi ancora la porta aperta".