Salvini blocca nave carica di migranti, tensione nel governo

di Steve Scherer
Salvini blocca nave carica di migranti, tensione nel governo. REUTERS/Lisi Niesner

ROMA (Reuters) - Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha negato lo sbarco nel porto di Trapani a dozzine di migranti salvati dal mare, ribaltando una decisione presa dal titolare delle Infrastrutture Danilo Toninelli e aprendo una spaccatura nel governo.

Solo poche ore prima, Toninelli aveva autorizzato una nave della Guardia Costiera con a bordo 67 immigrati salvati al largo della Libia a entrare nel porto di Trapani.

"Non autorizzerò [il loro sbarco]", ha detto Salvini in conferenza stampa dopo il meeting tra i ministri dell'Interno europei a Innsbruck, in Austria. "Se qualcuno lo fa al mio posto, se ne assumerà la responsabilità giuridica, morale e politica".

La nave Diciotti della guardia costiera è arrivata in porto, ma a nessuno è stato permesso di scendere.

LEGGI ANCHE: Quando i profughi diventano campioni

Invece che da una nave di soccorso battente bandiera straniera, l'ultimo gruppo di migranti è stato inizialmente raccolto al largo delle coste libiche da un rimorchiatore italiano.

"Se la nave batte bandiera italiana, è complicato dirle di non entrare in un porto italiano perché questo creerebbe un pericoloso precedente", ha detto il leader dei 5 Stelle Luigi Di Maio.

Il rimorchiatore ha raccolto i migranti lunedì, e dopo ha chiesto alla Guardia Costiera italiana di prendersene carico manifestando preoccupazione per la loro reazione aggressiva, quando sembrava che avrebbero potuto essere riportati in Libia.

 

Articolo di Steve Scherer

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia