Salvini: Conte 'avvocato-ciuffo' risponda su parcelle e servizi

Adm

Roma, 5 ott. (askanews) - Giuseppe Conte è "avvocato di sé stesso e della sua poltrona", ma deve rispondere sulle sue parcelle da avvocato e sulla gestione dei servizi segreti perché "non si può scappare dalla verità all'infinito". In una diretta Facebook Salvini afferma: "Conte inizia a essere preoccupato, dice 'il voto in Umbria è importante ma non tanto…' Te ne accorgerai, avvocato di te stesso e della tua poltrona. Tra l'altro ci sono interrogazioni parlamentari sul suo passato professionale, su alcune sue parcelle... Non risponde, ride, dice che la gente gli vuole bene. Eh, eh... Il tempo è galantuomo, te ne accorgerai".

Insiste il leader della Lega: "Poi 'l'avvocato del ciuffo ' verrà a chiarire come ha usato i servizi segreti, e se nel suo passato professionale è tutto chiaro o c'è qualcosa da chiarire. Penso sia vera la seconda. Puoi scappare per un po' dalla verità, ma non all'infinito. E poi cercano soldi dalla Russia che nessuno ha chiesto e visto".

Conclude Salvini: "Il signor Conte che si toglie il cappello e cala le braghe di fronte alle pretese dell'Europa. Riapre i porti. E poi a decine gli immigrati vengono smistati".