Salvini contro Conte: “Lui come Monti, amico di Merkel e Macron”

Matteo Salvini contro Conte

Matteo Salvini torna a scagliarsi contro Giuseppe Conte, nella giornata in cui si apre il secondo turno di consultazioni. Lo fa, come già accaduto in numerose occasioni nel corso degli ultimi mesi, tramite una diretta Facebook, in cui commenta le trattative in corso tra Pd e M5s per la formazione di un nuovo governo. Il leader della Lega descrive il premier dimissionario come una “riedizione del governo Monti“, soggetto alle interferenze di Francia e Germania.

Salvini contro Conte

L’attacco di Salvini contro Conte muove dalla consapevolezza che si avvicina una scadenza importante per il governo italiano, a prescindere dalla crisi di governo in corso e dalle alleanze tra partiti: quella della legge di bilancio. “Bisogna preparare una manovra economica importante che tagli le tasse”, ricorda il vicepremier uscente. “Conte è la riedizione del governo Monti, che preparava la manovra su suggerimento dei suoi amici Merkel e Macron“. I dialoghi in corso tra Movimento e dem riportano ai “tempi della prima Repubblica, ai tempi di De Mita e di Fantani. Dico a Pd e M5s che da giorni si stanno trascinando nella contrattazione di Ministeri e poltrone: fate in fretta. State perdendo giorni e giorni e non trovano accordo su Ministeri e non su progetti”.

Nel corso della diretta, Salvini commenta anche l’indiscrezione del Pd secondo cui Luigi Di Maio avrebbe chiesto per sé il ruolo di leader del Viminale: “Vai, io sono pronto a darti consigli per un mestiere difficile ma entusiasmante. Affidarmi il Ministero dell’Interno è la cosa più bella che Dio e gli italiani potessero farmi”.