Salvini: contro di me processi politici, si occupino di mafia

Adm

Roma, 3 feb. (askanews) - Matteo Salvini si ritiene vittima di una "caccia alle streghe", di un "processo politico" e chiede che i magistrati piuttosto "si occupino di mafia". Il leader della Lega lo ha detto durante un comizio a Palermo: "È lunedì, sono preoccupato perché sono quasi le otto di sera e non mi è ancora arrivato un avviso di garanzia. Ho fatto qualcosa di male! Cosa ho sbagliato oggi? Neanche un qualcosina per abuso di ufficio, corruzione, istigazione a delinquere… Niente. E' una giornata in cui non c'è neanche un giudice che sta indagando. So che il tribunale dei ministri di Palermo è molto attivo, ci sono diversi fascicoli aperti su quel potenziale criminale di Matteo Salvini".

Ha aggiunto Salvini: "Spero che finita questa caccia alle streghe - che è solo un processo politico - tutti coloro che lavorano nei tribunali a Palermo e in Sicilia si occupino di mafia, che penso sia un problema un po' più urgente e reale, che non la galera per Matteo Salvini".