Salvini contro le sardine: “Preparano mezzi non pacifici contro di me”

Sardine Genova Salvini

Continua il dibattito a distanza tra Matteo Salvini e le sardine, scese in piazza in diverse città e pronte a radunarsi in altre contro di lui. In particolare il leader del Carroccio le accusa di non essere propriamente pacifiche come invece si sono definite.

Salvini contro le sardine

A farlo giungere a questa conclusione, oltre che il post di una delle organizzatrici che invocava la sua morte, sono state le parole di Federica Mariani, amministratrice del gruppo Facebook Italiani ad Anversa. La mobilitazione ha infatti sfondato i confini nazionali, acquisendo seguaci anche in diversi stati europei.

Tra questi il Belgio, dove Salvini è atteso il prossimo 2 dicembre 2019. In occasione della sua visita, sul gruppo Sardine del Belgio uno dei membri, Giorgio Marasà, ha lanciato la proposta di organizzare una mobilitazione anche lì, chiedendo chi fosse disponibile ad unirsi. Federica ha quindi commentato il suo post annunciando che scenderà in piazza per manifestare contro di lui. E lo farà anche con mezzi non propriamente pacifici, campo in cui dice di vantare una vasta esperienza. “Alla faccia del dibattito democratico“, esclama il big della Lega postando lo screenshot delle parole della ragazza con allegata una sua foto.

Che cosa avrà voluto dire?“, si chiede poi. Tra i commenti c’è qualcuno che ha postato il post modificato della giovane, che sarebbe corsa ai ripari spiegando che i mezzi a cui alludeva non sarebbero stati altri che pomodori e aggiungendo una tripla emoticon con le risate.

Ciononostante il leghista rincara la dose affermando che le servirebbe “un po’ di terapia calmante di #gattiniconSalvini“, l’hasthag a sfondo animale che ha recentemente lanciato per opporsi alle sardine.