Salvini contro Renzi: “Pallone gonfiato e ladro di democrazia”

salvini contro renzi

Continua il durissimo scontro tra Matteo Salvini e Matteo Renzi. Questa volta a lanciare l’affondo è stato il leader della Lega nel corso di una diretta Facebook da Todi: “Matteo Renzi è un pallone gonfiato, un ladro di democrazia. Nemmeno il padre lo vota più” ha affermato a pochi giorni dallo scontro che li ha visti protagonisti a Porta a Porta. Proprio a proposito di tale confronto, sono in molti a chiedersi come mai il leader della Lega non abbia espresso tale pensiero guardando negli occhi il suo avversario.

Salvini contro Renzi

L’ex ministro dell’Interno ha attaccato duramente Matteo Renzi, in questi giorni impegnato alla Leopolda: “Renzi è uno che definisce Quota 100 un regalo che Salvini ha voluto fare a qualche camionista o agricoltore e vuole cancellarla. Uno che vuole togliere Quota 100 e tornare alla Fornero va curato” ha affermato senza mezzi termini. Ma non finisce qui: Salvini ne ha anche per Maria Elena Boschi che ha definito il Pd “il partito delle tasse”. “Ma come? Fino a ieri eri nel Pd? Oggi Renzi fa appello ai membri di Forza Italia. Questi sono malati di poltronite acuta. I tg stasera parleranno di Renzi e non dei 200 mila in Piazza San Giovanni“.

L’attacco a Virginia Raggi

Matteo Salvini, nel corso del suo intervento, non risparmia certo la sindaca di Roma Virginia Raggi: “Ci ha fatto pagare 9 mila euro per pulire la piazza e ci ha mandato i bidoni. E’ stata l’unica piazza in cui probabilmente è stata fatta la raccolta differenziata“.