Salvini contro Toninelli: “Il ministro non è all’altezza”

Salvini Toninelli, è scontro

Nel corso di un’intervista ai microfoni di Radio24 si è consumato l’ennesimo attacco del leader della Lega agli alleati di governo. Nel mirino di Matteo Salvini è finito il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli. “Non mi sembra all’altezza di gestire le infrastrutture di un Paese bello ma difficile come l’Italia”, ha spiegato il vicepremier leghista.

Salvini contro Toninelli

Dopo un attacco diretto al ministro Toninelli, Salvini è passato a commentare la questione alta velocità, altro tema caldo del governo in vista delle mozioni in Senato previste per mercoledì 7 agosto. “Non voglio regalare agli italiani altri mesi di litigi, polemiche e insulti”, ha dichiarato il ministro dell’Interno. “Sulla Tav si è perso un anno, così come sulla riforma della giustizia e sull’autonomia. Sul taglio delle tasse il dibattito è infinito. Se dovessi ritenere che non c’è più strada, non ne faccio una questione personale, bisogna prenderne atto”.

Salvini: “Serve manovra fiscale vera”

Sul dibattito se sia “meglio tagliare il cuneo fiscale della flat tax”, Salvini taglia corto: “L’importante è che ci siano più soldi in busta paga e meno carico fiscale per le imprese”. Interpellato sul salario minimo proposto dal Movimento, sottolinea: “Prima viene il taglio delle tasse. Prima di ridistribuire, bisogna crearla la ricchezza”.

Di manovra economica, il vicepremier leghista avrebbe parlato anche durante l’incontro con le parti sociali al Viminale, secondo indiscrezioni dei presenti. Il ministro avrebbe dichiarato che serve una manovra vera, con soldi veri per investimenti, infrastrutture e opere pubbliche. Salvini si è inoltre detto “disposto ad andare a contrattare la flessibilità necessaria con l’Europa per spendere su questi obiettivi”.