Salvini deride un ragazzo dislessico con un video su Facebook

HuffPost

Matteo Salvini ridicolizza un ragazzo dislessico, Sergio Echamanov, che lo stava contestando sul palco delle Sardine nel bolognese. “Guardate la carica e la grinta che avevano pesciolini e sinistri poco fa. Se pensano di fermarci così... abbiamo già vinto!”, ha scritto Salvini, rincarando la dose. Il ragazzo ha replicato su Facebook annunciando l’intenzione di querelare il leader della Lega.

“Si sta rasentando il ridicolo”, sul caso c’è intenzione di avviare “provvedimenti legali” per un caso di cyberbullismo, è la reazione del Movimento delle Sardine al post di Salvini. 

 

 

Sergio, 21 anni, è un ragazzo con disturbi specifici di apprendimento (Dsa), che di mestiere fa il rappresentante porta a porta. Il video, tagliato e montato, indugia su un momento in cui il ragazzo è incerto nel suo discorso. Al post del leader della Lega i commenti degli utenti sono migliaia, anche “minacce”. Per questo, fanno sapere dal Movimento delle sardine, “stiamo tutelando Sergio, che a causa di questa cosa rischia pure il posto di lavoro”. 

A difesa di Sergio si schiera Nicola Zingaretti con un post su Facebook. “Non c’è maggiore violenza che prendere in giro una persona per quello che è o che esprime. Dietro i falsi sorrisi e le bevute in compagnia riemerge un’anima violenta che ha come radice l’odio e l’intolleranza. Fermeremo questa deriva. A Sergio mando un abbraccio forte, da parte di tutti i democratici”.

“Mettere alla gogna sui social un ragazzo dislessico è ignobile. Una cosa che solo uno spaccone da quattro soldi come salvini poteva concepire. Un personaggio che andrebbe inserito in un progetto di recupero per cyberbulli” dice Laura Boldrini su Twitter. 

“Salvini non è un capitano coraggioso. Non è proprio un capitano” dice Costanza Hermanin di +Europa. “Mettere alla berlina sui social network un ragazzo con dislessia è piuttosto un gesto da codardi. Solidarietà all’esponente delle Sardine, vittima di...

Continua a leggere su HuffPost