Salvini: "Voto anticipato? Prima di settembre". Stop al bonus Renzi

Salvini invoca la crisi di governo: "Voto anticipato? Prima di settembre"

Matteo Salvini evoca la crisi di governo al termine dell'incontro con le parti sociali, come riporta Ansa, e spunta l’ipotesi di cancellare il bonus da 80 euro di Renzi.

Queste le parole di Salvini: "E' sciocco negare che da qualche mese di troppo ci sono polemiche e litigi con critiche surreali come quelle di Toninelli. Si può mantenere il rispetto personale, ma se si esaurisce la spinta...".

VIDEO - Toninelli: “Salvini minacci chi vuole”

Il vicepremier aggiunge: "Se riusciamo fare bene e in fretta facciamo. Se dobbiamo inseguirci, polemizzare ribadisco che non siamo incollati alle poltrone. Non ci costringe nessuno. Se il litigio prevale sulla costruzione, il problema c'è e si pone".

Rispondendo a una domanda su un eventuale voto anticipato, Salvini risponde: "Oggi abbiamo raccolto idee per l'Italia dei prossimi 20 anni. Se riesco ad applicarle bene, altrimenti o le fa qualcun altro o sicuramente non siamo qua attaccati alle poltrone. Questo lo vediamo da qui a breve, anche prima di settembre".

“Ci vuole una manovra vera, con soldi veri per investimenti, opere pubbliche, infrastrutture”. Lo avrebbe detto Salvini alle parti sociali al Viminale, secondo quanto riferiscono alcuni presenti. "Sono pronto ad andare a contrattare la flessibilità necessaria con l'Europa per spendere su questi obiettivi", avrebbe aggiunto.

LEGGI ANCHE: Salvini ringrazia la Vergine Maria, scatta l’ironia social

Addio al bonus di 80 euro

Durante l’incontro con le parti sociali, si è parlato anche di eliminare il bonus da 80 euro introdotto nel 2014 dal governo di centrosinistra in tutte le buste paga tra gli 8.145 euro e i 26 mila di stipendio annuale.

"Pensiamo a 10/15 miliardi di riduzione di Tasse. A partire dal superamento del Bonus Renzi, che non vale dal punto di vista dell'accumulo contributivo per la pensione", ha detto il vice ministro dell'Economia Massimo Garavaglia.

La replica di Matteo Renzi

"Oggi il Governo dice basta agli 80 euro. Alla fine a pagare sono sempre i più deboli, quelle famiglie per cui mille euro l'anno in più erano un aiuto vero. Ma Salvini, finito il tour in spiaggia, deve fare cassa. Mi dispiace perché era una misura giusta, che ha aiutato tante famiglie, ma mi dispiace soprattutto perché a rimetterci sono sempre i soliti". Lo ha dichiarato su Twitter l'ex premier Pd Matteo Renzi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Decreto sicurezza, ONG e migranti