Salvini, l’appello a Mattarella: “Non le viene da ridere?”

salvini

Il leader della Lega, ma soprattutto ministro dell’Interno uscente, Matteo Salvini, dopo aver commentato al veleno il nuovo governo si è rivolto direttamente al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel corso di una diretta Facebook: “Presidente, lei parlava di un governo di lunga durata, di grande respiro, con solidi principi e un programma comune, non le viene da ridere, da sorridere?” ha detto Salvini.

Salvini, l’appello a Mattarella

Matteo Salvini si è rivolto direttamente al Capo dello Stato per esprimere tutto il proprio disappunto sul nuovo esecutivo giallorosso. “Non le viene da ridere?” chiede il leader del Carroccio rivolgendosi a Mattarella su Facebook. “Non era meglio chiamare al voto 60 milioni di italiani, non 60 mila militanti del sì sulla piattaforma Rousseau?“. Secondo Salvini a Roma sarebbe “arrivata una telefonata da Berlino “si fa così”, da Parigi “si fa così” e da Bruxelles “si fa così“.

La valutazione di Standard & Poor’s

S&P, nel frattempo, pur non cambiando “al momento” la sua valutazione sul rating sovrano dell’Italia, che resta “BBB” con outlook negativo, loda però il Conte bis, spiegando che “evita nuove elezioni“, le quali avrebbero creato ritardi per l’approvazione della manovra di bilancio. Inoltre, con il nuovo esecutivo si potrebbe prospettare un “aumento della crescita economica, più coordinamento tra Italia e Ue sulle politiche di bilancio e strutturali e l’aumento dei parametri di credito del Paese“. Insomma, il Conte bis piace all’Europa e ai mercati, come dimostra anche il calo dello spread degli ultimi giorni.