Salvini: lascio che siano i giudici ad appurare la verità

Mgi

Roma, 24 ott. (askanews) - "Savoini lo conosco da 25 anni come una brava persona, c'è un'inchiesta in corso e lascio che siano i giudici ad appurare la verità": lo ha dichiarato il leader della Laga Matteo Salvini, intervenuto al programma di Rete 4 "Dritto e Rovescio",

"Sono andato in Russia come in tanti altri Paesi per difendere l'interesse del mio Paese, facendomi accompagnare da persone che ritenevo e ritengo al di sopra di ogni sospetto: se qualcuno ha sbagliato ne risponderà", ha continuato Salvini.

A riferire sulla vicenda "ci sono andato già diciotto volte in parlamento e in televisione, non ho chiesto o preso rubli: giravo per difendere gli interessi degli imprenditori italiani. C'è qualcuno che in passato prendeva i soldi dalla Russia, ma non mi interessa parlare di passato, voglio parlare di futuro" ha concluso Salvini, che non ha risparmiato una frecciata al presidente del Consiglio: "Ho l'impressione che Conte si sia montato la testa, abbia promesso mari e monti agli italiani e non sia in grado di mantenerle".