Salvini: Lazio ostacola cura al plasma, regalo a farmaceutica?

Adm

Roma, 24 giu. (askanews) - C' "qualcuno" che punta a speculare sul virus, secondo Matteo Salvini, il leader della Lega si dice convinto che anche alcune regioni, come il Lazio, possano essere tentate di fare "regali a qualche grande casa farmaceutica" creando ostacoli alle cure basate sul plasma autoimmune. Parlando a 'Money.it', l'ex ministro spiega: "Una delle cure che ha dimostrato di essere funzionante quella del plasma autoimmune. Probabilmente - come denuncia il dottor De Donno - ha il difetto di essere gratuita e democratica e di non arricchire questa o quella casa farmaceutica, quindi se ne parla molto meno di quanto si dovrebbe". Insomma, "alla scienza credo assolutamente, per per intanto diffondiamo le cure che gi sono a portata di mano".

Per Salvini non ci sono dubbi che la cura a base di plasma sia stata ostacolata fin qui. "Mi sembra evidente che ci sia qualcuno che anche con il virus voglia fare cassa e che pronto a trarre tutti i vantaggi economici possibili da questa tragedia". Il fatto che "sulle tv nazionali o in alcune regioni, come la regione Lazio, non si parli di banca del plasma qualcosa che pi di un dubbio mi fa venire. Non vorrei che qualcuno volesse fare regali ai grandi della farmaceutica ignorando quello che i medici di base hanno gi tirato fuori".