Salvini, Le Pen, Farage: gli euroscettici sfondano dove hanno il leader

Angela Mauro

Sfondano dove hanno un leader noto e riconosciuto, vanno a macchia di leopardo dove non hanno una guida di fama europea. La Lega di Matteo Salvini, il Rassemblement National di Marine Le Pen, il Brexit party di Nigel Farage sono i vincitori di queste elezioni, sebbene non stiano formalmente in uno stesso gruppo all’Europarlamento (i primi due sì, nell’Enf, il terzo non si sa) e sebbene siano esclusi dalle trattative per la nuova maggioranza al Parlamento europeo e destinati a restare fuori dal governo dell’Ue.

Secondo i dati disponibili mentre scriviamo, Salvini supera abbondantemente il 30 per cento, potrebbe prendere 28-29 seggi. Le Pen scende di qualche punto (dal 25 al 23,5 per cento, 22 seggi) ma si piazza al primo posto tra i partiti francesi spingendo al secondo la Republique en marche di Macron. Da notare che Le Pen era primo partito anche nel 2014 (alle presidenziali in Francia è il meccanismo del ballottaggio che la svantaggia, evidentemente). Farage invece, pur con un piede fuori dall’Ue, pur spingendo per la Brexit anche senza accordo, col grasso 32 per cento incassato alle urne potrebbe portare all’Eurocamera lo stesso numero dei deputati leghisti: 29. Sono i paradossi di questa Europa che si avvia ad avere un Parlamento molto frammentato.

Quanto al resto della famiglia sovranista, gli altri che erano sul palco con Salvini in piazza Duomo a Milano il 18 maggio scorso, non tutti sono baciati dal successo: non per tutti c’è l’effetto Salvini.

Va male all’olandese Geert Wilders in Olanda: scende dal 13 per cento al 3,5 per cento, i suoi voti se li prende la nuova concorrenza sovranista, Thierry Baudet del ‘Volkspartij voor Vrijheid en Democratie’ al 14 per cento. E va male ai danesi del Dansk Folkeparti, fermi poco sopra il 10 per cento: nel 2014 erano primi al 26,60 per cento. I tedeschi dell’Afd incassano anche il 30 per cento nei land dell’est, ma si fermano al 10,80 nel dato nazionale: erano al 13 alle ultime politiche, alle...

Continua a leggere su HuffPost