Salvini: "Mai visto uno spacciatore dire di esserlo"

webinfo@adnkronos.com

"Mi scusi, ma lei ha mai trovato uno spacciatore che dice di essere uno spacciatore?". Lo scrive Matteo Salvini su Twitter, aggiungendo l'hashtag dell'intervista con #RadioCusano. "C'è una mamma, che ha perso un figlio per droga, che mi ha chiesto 'dammi una mano a segnalare lo spaccio nel mio quartiere'. La lotta alla droga deve essere una priorità di tutta la politica" dice ancora, facendo riferimento alla citofonata fatta a Bologna. 

Sul fronte della politica, "sia Grillo che Di Maio mi sembra che abbiano scelto l’abbraccio mortale col Pd, contro il volere del proprio popolo" dice il leader leghista. "Al Partito Democratico contestiamo o di non aver visto mai nulla o di aver liquidato i fatti gravissimi come 'Un raffreddore'. Bibbiano è uno splendido comune agricolo, ma quello che è successo in quel comprensorio, con bambini portati via ingiustamente a mamme e papà, è indegno".Sul versante elezioni Regionali, "in Emilia-Romagna non c’è un assessorato all’agricoltura e al turismo, ma come si fa? In una Regione dove questi due settori sono fondamentali" aggiunge Salvini che, parlando del caso Gregoretti, dice: "Ho chiesto io ai miei di votare per mandarmi a processo. Non ho bloccato uno sbarco, ne ho bloccati un bel po’, verrò giudicato una volta per tutte se bloccare gli sbarchi è da criminali, oppure vuol dire difendere i confini e la sicurezza degli italiani".  

"Il reato che mi viene imputato - aggiunge - prevede fino a 15 anni di carcere. Il doppio rispetto a uno spacciatore e a uno stupratore. Io ho difeso i confini italiani".