Salvini: "Manette per evasori? Primo a non pagare debiti è lo Stato"

webinfo@adnkronos.com

"I 5 stelle ammanetterebbero anche gli alberi, basta un sospetto e processano anche i cespugli...Io lascerei lavorare chi vuole lavorare e poi bisogna chiudere tutte le pendenze". "Dicono manette per gli evasori, bene ma il primo a non pagare i debiti è lo Stato". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini a Fuori dal coro su Rete4. "Una cosa sta riuscendo a fare questo governo, sta mettendo d'accordo tutti gli italiani, si incazzano tutti". Mario Draghi presidente della Repubblica lo voterebbe? "Why not" risponde il leader della Lega. Se dovesse cadere il governo "il Presidente della Repubblica non potrebbe che restituire la parola agli italiani, ho fiducia in Mattarella''. Se dovesse cadere il governo "gli italiani hanno il diritto di scegliersi un nuovo Parlamento", insiste. "Il governo sta mettendo a rischio l'immagine d'Italia. Se un investitore estero si accorge che ogni governo cambia le regole, col piffero che vengono a investire da noi". 

Parla poi anche della sua visita a Ostia di oggi. "Questo è un pezzo di cornicione che cade dalle case di Ostia - dice mostrando il 'souvenir' -, dove i cittadini sono abbandonati...quindi se ci sente il sindaco di Roma: a Virgì, non è normale". Attacca, poi, la sindaca sui rifiuti. "A Roma i cittadini romani non possono pagare la tassa sui rifiuti per vivere nella puzza e nella schifezza". "Il 28 novembre faremo un incontro a Roma per presentare la nostra idea di città. Il candidato sindaco? Abbiamo una mezza idea, penso a un uomo...serve un uomo o una donna con due palle così". 

A proposito della vicenda dei cori razzisti, Salvini dice che Balotelli è "italiano" e chi distingue le persone sulla base del colore della pelle "è un cretino". "Detto questo - conclude -, lezioni agli italiani da un milionario viziato e maleducato nessuno può accettarle".