Salvini: "Morra idiota disgustoso su Santelli, Lega lo sfiducia"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Nicola Morra dopo "le parole disgustose su Jole Santelli" è "indegno del suo ruolo: si dimetta". Matteo Salvini, leader della Lega, torna ad esprimersi così nei confronti dell'esponente M5S. Morra, dice Salvini, "utilizza la Commissione Antimafia per aggredire i rivali politici e ora si conferma un piccolo uomo con le parole disgustose su Jole Santelli che peraltro è stata vicepresidente della Commissione Antimafia. Morra si sciacqui la bocca, quando parla di malati oncologici, e si dimetta. La Lega lo sfiducia ufficialmente", afferma.

"'Io ho semplicemente ricordato come l'elettorato debba essere pienamente responsabile delle proprie scelte. Perché ciò avvenga è necessaria un'informazione totale' L’idiota insiste. 'Chiedo scusa ma...'. Sbagliare è umano, perseverare è diabolico", dice ancora Salvini su Twitter.

Analoga posizione è espressa da Gianluca Cantalamessa, Lina Lunesu, Enrico Montani, Pasquale Pepe, Francesco Urraro, Luca Paolini, Erik Pretto, Andrea Dara, Gianni Tonelli, tutti membri del gruppo Lega in commissione antimafia. "Nicola Morra, con le parole indegne, cattive ed inaccettabili pronunciate ieri, ha mancato di rispetto alla memoria di Jole Santelli e ha calpestato la dignità dei Calabresi", affermano.

"Non ci interessa sapere da dove provengano quelle espressioni, ma sicuramente denotano l’assenza di equilibrio e di serenità, entrambe caratteristiche che devono appartenere ad un uomo delle Istituzioni e, ancor più, al Presidente della Commissione parlamentare antimafia. Le sue dimissioni sono un atto doveroso e inevitabile".