Salvini: "Di Maio politicamente finito. Renzi? Un genio..."

webinfo@adnkronos.com

Definire l'intesa M5S-Pd patti civici "è una supercazzola". Lo ha affermato Matteo Salvini ai microfoni di Radio Radio. "Ti allei o non ti allei? In Umbria sono alleati" spiega l'ex ministro dell'Interno, che aggiunge: "Non ci vuole un genio per capire in Umbria il 27 ottobre vincerà la Lega. Infatti Di Maio ha già iniziato a dire: 'Beh, sì, ma non sono elezioni importanti...'". Secondo Salvini, poi, il leader pentastellato "politicamente parlando, è finito. Sono passati dalla rivoluzione, a mandare in Europa Gentiloni"."Può sopravvivere ancora per un po' - ha aggiunto Salvini - ma l'ideale di rivoluzione, di cambiamento, di onestà, di trasparenza, uno vale uno, cambiamo l'Europa, cambiamo il mondo, è finito, nel momento in cui ti allei con il partito che rappresenta i poteri forti, le banche, la finanza. Sono passati dalla rivoluzione a mandare Gentiloni".  

E sul faccia a faccia tv con Matteo Renzi aggiunge: "Io non scappo mai. Mi confronto con Renzi in tv perché non ho paura della bontà delle mie idee. Comunque è un genio... voleva la semplificazione e ha fondato l’ennesimo partito di cui non si sentiva la mancanza". 

"Benvenuta tra noi", poi, l'ironico saluto alla ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, che ha chiesto all'Unione europea di sostenere l'Italia nelle politiche migratorie. "Avevano festeggiato questo grande accordo rivoluzionario che già si rivela una sòla come avevo previsto senza essere un genio dieci giorni fa", sottolinea Salvini. "Visto che alle promesse dell'Europa io ero abituato - ha aggiunto - abbiamo fatto i decreti sicurezza che hanno ridotto dell'80% gli sbarchi, perché io non mi fidavo e non mi fido delle promesse di Macron o della Merkel".