Salvini parlerà in Senato: "Governo degli sconfitti sarebbe truffa per gli italiani"

HuffPost

“Sto preparando il mio discorso al Senato”. Matteo Salvini parla in diretta su Facebook per preannunciare il suo intervento sulle comunicazioni di Giuseppe Conte a Palazzo Madama. “Parlerò ai senatori, ma anche ai 60 milioni di italiani per spiegare veramente cosa sta succedendo: il futuro dell’Italia non si merita un Renzi qualunque”. Secondo Matteo Salvini “se non c’è un Governo si va alle elezioni altrimenti ci si siede al tavolo e si lavora”.

Poi a Marina di Pietrasanta, Salvini commenta gli ultimissimi sviluppi: a pochi km di distanza, nella villa di Beppe Grillo, i 5 stelle hanno messo la pietra tombale sulla loro alleanza, definendolo un interlocutore “inaffidabile e non più credibile”. Per il vice premier leghista per fare un Governo con Renzi, Prodi e Boschi, “devono passare sul mio corpo”. Salvini dice che “se fossimo una democrazia normale non ci sarebbe dubbio alcuno. La via maestra è il voto. Ma ho scoperto in questi 10 giorni, che per qualcuno la poltrona vale 6 mila volte di più rispetto alla democrazia”... “Il popolo italiano è in mano a una trentina di renziani, di un pezzo del Pd che sa benissimo che se si va a votare non li vota nemmeno il loro babbo”.

Salvini guarda al prossimo appuntamento del Senato, quando Giuseppe Conte farà le sue comunicazioni. “Non si sa cosa venga a comunicare. Vado in Senato e ascolto . Sarò lì senza pregiudizi”. Ma per il vice premier leghista “sarebbe folle mandare al governo le minoranze bocciate dagli italiani in cabina elettorale, il Governo degli sconfitti sarebbe una truffa per l’Italia e per gli italiani”... Poi rivolgendosi alla platea, Salvini aggiunge:  “Voi riterreste normale un Governo Pd-M5s-Forza Italia o di marziani? Mi sembrano tutte ipotesi per buttare fuori Salvini e la Lega”.

 

 

È un Salvini che si sente “solo contro tutti”, ma esclude categoricamente di dimettersi dal Viminale. “A testa alta, paura zero, ministro con orgoglio” dice il...

Continua a leggere su HuffPost