Salvini: riforma Mes mette a rischio risparmi italiani, è disastro

Luc

Roma, 25 nov. (askanews) - "Preferisco rispondere non con le mie parole, perché mi metto nei panni di chi è in macchina e pensa, vabè Salvini dirà che non è d'accordo perché è all'opposizione: il Governatore della Banca d'Italia ha parlato di un rischio enorme, tutto il mondo dell'impresa italiana, sta parlando di uno svantaggio enorme, docenti di diritto costituzionale e di economia delle università di mezza Italia, stanno dicendo 'non toccate quel trattato'. In sostanza si crea un organismo privato che non risponde né alla legge né ai parlamenti che decide chi può avere dei soldi e chi deve dare quei soldi, il timore di molti è che i soldi degli italiani vadano a salvare le banche tedesche in difficoltà come è già accaduto in passato e noi non potremmo fare né dire nulla e non potremmo opporci". Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando della riforma del Mes, il fondo salva stati, a Rtl.

"Il Parlamento - ricorda - diede mandato al signor Conte di dire di no, Lega e Cinque Stelle insieme, il dubbio che ormai si fa certezza stando ai documenti, è che il Signor Conte senza dire nulla né a Matteo Salvini, ma soprattutto al Parlamento e agli italiani abbia preso degli impegni in cambio di non si capisce che cosa, in cambio della sua permanenza a Palazzo Chigi, in cambio della flessibilità, di un pacchetto di caramelle, non ne ho idea. Questo è un potenziale disastro per i prossimi trent'anni che mette a rischio i risparmi degli italiani nelle banche, questa è la preoccupazione. Nel programma delle Lega, dei Cinque Stelle c'era il blocco, la cancellazione, l'eliminazione, come del fiscal compact, del pareggio di bilancio, è chiaro che con il senno di poi abbiamo capito perché non siamo riusciti a portarlo a casa, perché probabilmente dall'altra parte, parlo di Conte, ma parlo anche dell'ex Ministro dell'economia Tria, c'era qualcuno che faceva qualcosa di diverso rispetto a quello che diceva".