Salvini: "Sbrigatevi o si voti"

webinfo@adnkronos.com

"Io dico a Pd e 5Stelle, che si trascinano nella contrattazioni di poltrone, se volete fare allora fate in fretta, altrimenti andiamo al voto che è la cosa più democratica". Così Matteo Salvini, nel corso di una diretta Facebook dal Viminale, in cui più volte chiede di assumersi la loro responsabilità ai Di Maio e Zingaretti per la formazione del nuovo governo. "Sembra di tornare ai tempi di De Mita e Fanfani", sottolinea.  

"Pare che ora la trattativa si sia incagliata sul nome di Conte, ma più che un Conte bis sembrerebbe un Monti bis - attacca Salvini -. Conte evidentemente stava preparando da tempo questa manovra, su suggerimento di Merkel, Macron e degli ambienti che lui ha frequentato". Quel governo "porterebbe al governo gli sconfitti delle ultime politiche e delle europee, accomunati dall'odio contro Salvini e la Lega", incalza ancora. 

"Per settimane i 5Stelle ci hanno sfidato a votare il taglio dei parlamentari, l'ho detto e e lo ripeto, ci sono, vogliamo tagliare anche domani 345 parlamentari? Ci sono, risparmiamo qualche decina di milioni di euro? Ci sono, va bene - prosegue Salvini -. E' un segnale di serietà, di rispetto del contratto di governo". 

Salvini dice "no a governi telecomandati dagli altri per fare qualche manovrina e magari cambiare qualche leggina". "Dal Pd, leggo, chiedono a Conte di modificare o cancellare i decreti sicurezza - rimarca - ma noi abbiamo lavorato un anno per difendere i confini, e ora nel nome del salva poltrone sitorna indietro. Io sono orgoglioso del fatto che abbiamo messo nelle mani del popolo italiano il nostro mandato". 

"Confidiamo - conclude - e abbiamo la certezza che il presidente Mattarella non permetterà questo mercimonio ancora a lungo. Vediamo il totoministri, che sembra il calciomercato, di cui non parlo, visto l'esordio del Milan".