Salvini: "Se ci sono zone piú a rischio si intervenga in modo rapido e circoscritto"

·2 minuto per la lettura
Salvini
Salvini

Matteo Salvini si è espresso sulla proposta di estensione della zona arancione in tutta Italia. Lo ha fatto tramite un post su Facebook. Il segretario della Lega ha chiesto di smetterla con gli allarmi e nel caso di aree più a rischio bisognerebbe intervenire in maniera veloce e circoscritta. Intanto, l’Istituto superiore di sanità ha informato che il trend di contagi è in crescita, invitando tutti a rimanere a casa. Quella che al momento è un’ipotesi potrebbe però diventare una realtà. La richiesta della zona arancione su tutta la penisola proviene dai governatori delle regioni. Previsto un vertice riguardo l’argomento in data 20 febbraio. L’eventuale status avrebbe la durata di qualche settimana.

Salvini su zona arancione in tutta Italia

Matteo Salvini si è espresso sulla proposta di estendere la zona arancione in tutto il Paese. Ecco le sue dichiarazioni su Facebook: “Zona arancione in tutta Italia? Basta con gli annunci, gli allarmi e le paure preventive che hanno caratterizzato gli ultimi mesi, se ci sono zone più a rischio si intervenga in modo rapido e circoscritto, si acceleri sul piano vaccinale ma non si getti nel panico l’intero Paese. Il diritto alla salute viene prima di tutto e rispettiamo le indicazioni della comunità scientifica, non le anticipazioni a mezzo stampa di lockdown ingiustificati e generalizzati”.

I commenti al post

Come spesso avviene, il post FB di Matteo Salvini ha ricevuto numerosi commenti, alcuni tendenti ad approfondire l’argomento, altri che invece esprimono stanchezza nei riguardi dei continui cambi di fasce come il seguente: “Adesso siamo veramente stanchi di continui e ridicoli cambi di colori e soprattutto di virologi che creano solo confusione e allarmismo passando da un salotto televisivo all’altro. È ora di pensare a una seria campagna vaccinale perché questa storia a mio modesto parere sta assumendo sempre di più i connotati di una barzelletta” oppure il seguente: “Vero, ma non si può continuare così. Sapere il venerdì che impegni precedentemente assunti sono da cancellare già dalla domenica è assurdo…ci vuole programmazione e buon senso. Mi sarei aspettato da subito un cambio passo Matteo”.