Salvini: "Serve condono, se non lo fai in tempo di guerra..."

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Se non fai un condono in tempo di guerra, non lo fai più: edilizio, fiscale, tombale, serve fare emergere quello che è nascosto, fatti salvi gli illeciti penali". Lo ha detto Matteo Salvini, parlando a Porta a Porta, in onda stasera. "So che qualcuno dice che non moralmente giusto"."In tempo di guerra - dice Salvini - per l'Italia occorre mettere in campo tutto quello che c'è".

CONTE - "Sedermi al tavolo con Conte? Io non chiedo altro, è da giugno che dice 'ci vediamo a palazzo Chigi''. "Domani - assicura - se serve ci andiamo a sedere a Palazzo Chigi". "Se dice di ragionare sui decreti ristori, sulla legge di bilancio, domani ci vado", sottolinea ancora il leader della Lega.

BERTOLASO - "A me piace molto Bertolaso come figura, in questi mesi ha dimostrato di essere uomo del fare" ha detto, rispondendo a una domanda sul l'ex capo della protezione Civile, Guido Bertolaso, possibile candidato alla poltrona di sindaco nella Capitale. "Ho avuto modo - ricorda Salvini - di confrontarmi con il dottor Bertolaso per l'ospedale in fiera, per l'ospedale nelle Marche, per la collaborazione nella regione Umbria". "A Roma - aggiunge - gestì il Giubileo, la città la conosce, non è una cosa do poco, non ho motivi per sponsorizzare tizio o Caio, ma se fossi un cittadino romano e mi dicessero preferisci Bertolaso o la Raggi direi 'dove devo firmare'".