Salvini torna a dubitare: il leader della Lega mette in conto il fallimento del dialogo con Di Maio e cerca l'exit strategy

Angela Mauro

Al Colle Matteo Salvini ci è salito senza nomi per la premiership. Nel suo colloquio con Sergio Mattarella, il leader della Lega non ha portato candidati per il ruolo di capo del governo con il M5s. Perché i problemi di questa nuova avventura intrapresa con il M5s dal 5 marzo, stanno a monte. Ci sono le differenze sul programma: "Il governo nasce per fare le cose: o si comincia o ci salutiamo". E ci sono soprattutto quei "vincoli esterni", cioè vincoli europei, che Salvini cita con forza parlando alle telecamere col volto scuro, dopo l'incontro con il presidente della Repubblica. "O si ridiscutono i vincoli oppure è un libro dei sogni: il governo parte se può fare le cose – dice il leader leghista – sennò non cominciamo nemmeno...". La richiesta a Mattarella è di avere altro tempo per consultare la base ai gazebo nel weekend prossimo: per dividere la responsabilità di un governo che comincia a presentare troppi rischi.

Sarà un sì o no? Dipenderà dalle parole d'ordine, da cosa succederà da qui a domenica. Di certo oggi Salvini ha piantato paletti altissimi, usando toni gravi, faccia preoccupata, espressione tesa: una modalità che ha sorpreso non poco anche gli stessi pentastellati.

"Momento critico", segnala un dirigente della Lega dopo che tutta la delegazione è scesa dal Colle. Per la prima volta, dopo una settimana e più di colloqui con il leader pentastellato Luigi Di Maio, Salvini mette in conto il fallimento. Ma naturalmente i fallimenti si rischia poi di doverli pagare. E allora eccolo qui a chiedere più tempo a Mattarella per chiudere un'intesa con Di Maio, cosa ancora ufficialmente rimasta in campo e nelle speranze di un leader che non vuole macchiarsi del fallimento della trattativa. E per questo Salvini rilancia, puntando alto. Se va, va.

"Io voglio andare fino in fondo eliminando la legge Fornero", dice nella loggia d'onore del Quirinale, subito dopo il colloquio con Mattarella. Ancora: "voglio eliminare l'aumento dell'Iva e...

Continua a leggere su HuffPost