Salvini umilia Saviano

Matteo Salvini e Roberto Saviano
Matteo Salvini e Roberto Saviano

Tra Roberto Saviano, scritto napoletano, e Matteo Salvini, ministro delle Infrastrutture, vicepremier e leader della Lega, non è mai scorso buon sangue. Lo scrittore di “Gomorra” attacca il ministro, ma lui non ci sta e gli risponde.

Saviano attacca Salvini e il ministro risponde: “Ma quanto gli rode?”

Il tema è sempre lo stesso: la gestione dei flussi migratori. Già in precedenza, per la precisione nel 2019, Saviano diede del “bastardo” a Matteo Salvini quando era al ministero degli Interni. Lo scrittore ha riproposto lo stesso insulto ma stavolta nel suo mirino ci finisce anche il premier Giorgia Meloni. Saviano, parlando ai microfoni del quotidiano La Stampa, ha affermato:

“Bastardi? Rivendico la mia indignazione e il mio più profondo disprezzo verso chi, di fronte a un naufragio, non dice che le vite umane vengono prima di ogni strumentalizzazione o percorso politico più o meno severo, inflessibile, feroce, da Papeete o da pacchia finita”.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Capitano Ultimo: "Saviano ha parlato di mafia in modo elegante"

Salvini e i suoi seguaci si scagliano contro lo scrittore

Il vicepremier e ministro delle Infrastrutture però, essendo anche un politico molto Social, non si è tenuto l’insulto ed ha replicato a Roberto Saviano. In un post su Twitter, Salvini ha scritto: “Io e Giorgia “bastardi”. Saviano, ma quanto gli rode poverino?“. Sotto il post di Salvini non potevano mancare i suoi elettori e seguaci che, nel difendere il leader della Lega hanno commentato: “Ma povero… è solo un pagliaccio (Roberto Saviano)”.