Salvini: “Venezia grida aiuto. Uniti per il Mose”

salvini venezia

Il leader della Lega Matteo Salvini ha deciso di andare a Venezia per constatare di persona i danni causati dal maltempo. Durante un sopralluogo in piazza San Marco, con il Governatore Luca Zaia e il sindaco Brugnaro, ha commentato la situazione. “Non è più tempo di perdere tempo” ha detto Salvini “questa città grida aiuto, c’è bisogno di mettersi tutti insieme per ultimare il Mose”.

Salvini avrebbe poi aggiunto di non essere arrivato in laguna per distribuire colpe ma per assicurarsi che l’opera venga finita al più presto in modo da evitare che in futuro si ripetano cose simili. Inoltre, l’ex Ministero dell’Interno, ha voluto sottolineare come gli emendamenti della Lega alla manovra servono proprio ad accelerare e a far funzionare il Mose subito. “Con Toninelli abbiamo perso un anno e speriamo che ora i M5s non rallentino come hanno fatto in passato” ha concluso “anche se al Governo c’è solo gente che litiga tutti i giorni”.

Salvini: “Venezia grida aiuto”

Alcuni negozianti di San Marco, davanti all’ennesimo allagamento, hanno urlato a Salvini: “Non possiamo andare avanti così, aiutaci tu!”. Il leader leghista ha assicurato il proprio impegno e prima di lasciare la zona è andato a sincerarsi personalmente dei danni provocati dall’alluvione in alcuni negozi.

Il governatore Luca Zaia ha detto che, probabilmente, i danni sono di decine o centinaia di milioni di euro. Venezia è devastata, gli abitanti di Pellestrina hanno avuto per 24 ore un metro di acqua in casa. Zaia ha poi concluso dicendo come il Governo abbia recepito la sua richiesta di dichiarazione dello stato di crisi e per questo, spera che vengano stanziate copiose risorse per fare fronte alle necessità dei veneziani.