Salvini: vi inchioderemo in Aula se toccate Quota 100 e sicurezza

Rea

Roma, 10 set. (askanews) - "Qualcuno vuole tornare indietro su Quota 100, la Flat tax è stata liminata, i dl sicurezza vengono cancellati. Faremo una sana robusta e seria opposizione e vi terremo qui anche la notte perchè alla Fornero non si torna, ai porti aperti non si torna". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, nel suo intervento in Senato. E ha poi chiesto "chiarezza" su Bibbiano, tema su cui "tutti dovrebbero pretendere chiarezza, non dovrebbe innervosire nessuno, tantomeno il presidente del Consiglio... Noi non condanniamo nessuno, ma per noi un bimbo viene al mondo se c'è una mamma e un papà, viene adottato se c'è una mamma e un papà, e non dovrebbe essere sottratto a quella mamma e a quel papà, è il minimo della civiltà giuridica".

Oltre ad un'opposizione dura, Salvini promette che "porteremo delle proposte, oltre a cercare di limitare i vostri danni. Lotta vera e senza quartiere a ogni tipo di droga, e se qualcuno vuole lo Stato spacciatore dovrà passare sui nostri corpi: vi aspettiamo al varco. Quel genio di Saviano vuole legalizzare cocaina: portatela una proposta così e non vi facciamo uscire da qui neanche per mangiare".

Sul tema giustizia, "la nostra idea prevede che italiani sono onesti, perbene e innocenti fino a prova contraria. Mi permetto un richiamo allo stile, visto che lei è così attento: lei ha giudicato i suoi colleghi prima di un processo, giudicati e condannati. Noi non ce lo siamo mai permessi perchè si è condannati quando si è stati giudicati: sulla sua cattedra, le sue consulenze, i suoi conflitti d'interesse, il suo studio con Alpa, noi non abbiamo detto mai una parola. Questa è la differenza di stile, non è la pochette. Lo stile è sostanza, non solo apparenza e speriamo non si vada verso una repubblica giudiziaria. Vi vedo a discuterne tra Bonafede, Orlando e Lotti.. La riforma della giustizia è già bella che fatta".

Poi un accenno alla Ue: "Siamo in Europa, rimarremo in Europa, i miei figli cresceranno in Europa, ma la vogliamo diversa. E vogliamo un'Italia a testa alta in Europa. L'uomo che sussurrava alla Merkel è un'immagine che fa male all'italia, a proposito di stile, buon gusto, lealtà.. Alla faccia!".