Salvini "Via maestra è il voto, ma pronti a discutere di temi concreti"

Redazione
·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - "Per tutto il centrodestra la via maestra sono le elezioni, noi parliamo di temi concreti e non ci spaventano le sfide. Siamo stati un anno al governo con i Cinquestelle, fino a che abbiamo avuto pazienza, ma con Toninelli era difficile andare avanti". Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso di una manifestazione davanti all'Agenzia delle Entrate, a Roma.

"Se al centro ci sono il taglio delle tasse, il sostegno delle famiglie, lo sblocco dei cantieri, l'azzeramento del codice degli appalti, la pace fiscale per tutte le cartelle esattoriali arretrate - ha aggiunto -, noi ragioniamo, se cambia idea chi ha azzerato Quota 100 siamo contenti".

"Ragionare con quelli che mi vogliono mandare in galera è difficile - ha sottolineato Salvini -, è surreale che domani, con tutto quello che sta succedendo, e con un piano vaccinale terribilmente rallentato, che mi preoccupa, io sarò all'interrogatorio di Conte a Palazzo Chigi, per il processo che mi vede imputato per sequestro di persona".

"Sembra di essere su Scherzi a Parte, ma siamo in Italia - ha aggiunto -. Noi abbiamo Conte, presidente del Consiglio, che sta cercando senatori di notte per tirare a campare, quindi fino a venerdì di questo si parla e noi a Mattarella diremo no a questo mercato delle vacche, no a questo teatrino imbarazzante, ad un reincarico a Conte. Quando non ci sarà più quel signore a palazzo Chigi ragioneremo del resto".

(ITALPRESS).

ror/sat/red