San Francisco, marito Pelosi aggredito da un intruso in casa

featured 1664746
featured 1664746

San Francisco, 29 ott. (askanews) – Paul Pelosi, marito della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi, si sta riprendendo dopo l’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto in seguito all’aggressione con un martello avvenuta nella casa della coppia a San Francisco.

Pelosi, 82 anni, ha riportato una frattura al cranio e lesioni al braccio destro e alle mani, ma dovrebbe riprendersi completamente. E’ stato lo stesso Paul Pelosi a chiamare i servizi di emergenza ‘911’ quando è stato aggredito, lasciando la linea aperta in modo che un centralinista potesse ascoltare la sua conversazione con l’aggressore facendo capire che aveva bisogno di aiuto.

L’attacco ha alimentato i timori per la violenza in vista delle elezioni di medio termine dell’8 novembre.

L’aggressore David Depape, 42 anni, è stato fermato, il suo obiettivi era la speaker della Camera.

“Questo è spregevole. Non c’è posto per questo in America – C’è troppa violenza, violenza politica, troppo odio, troppo vetriolo. E cosa ci fa pensare che un partito che parla di elezioni rubate, dice che il Covid è una bufala, che sono tutte un mucchio di bugie e non interessano alle persone che potrebbe non essere così ben equilibrato” ha detto il presidente Biden.

Ore dopo l’attacco, il governo degli Stati Uniti ha distribuito un bollettino alle forze dell’ordine in tutta la nazione avvertendo di una “minaccia accresciuta” di estremismo violento interno contro candidati e impiegati elettorali guidati da individui con “rimostranze ideologiche”.