San Gregorio Armeno, l'augurio della statuina del presepe di Giuseppe Conte

·1 minuto per la lettura
Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Gli eventi che stanno caratterizzando la crisi di governo vissuta in Italia vengono raccontati in molti modi, stimolando anche il proliferare di numerose tipologie alternative di espressione. In particolare, le dimissioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ratificate al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella giornata di martedì 26 gennaio hanno stimolato la creatività artistica di un artigiano di San Gregorio Armeno.

Napoli, statuina del presepe del Premier Conte

Genny Di Virgilio, artigiano della rinomata San Gregorio Armeno, a Napoli, ha deciso di realizzare una statuina del presepe estremamente singolare per raccontare le dimissioni dell’avvocato del popolo. L’insolito pastore, infatti, raffigura il Premier Giuseppe Conte che tiene, nella mano destra, una valigetta mentre, con la sinistra, sorregge un cartello riportante la fiduciosa scritta ‘Vado e torno’.

La statuina in terracotta è stata concepita prendendo spunto, com’è d’uso tra gli artigiani di San Gregorio Armeno, dai più recenti fatti politici e d’attualità.

Nelle intenzioni del suo creatore, Genny Di Virgilio, inoltre, il pastore si configura come una sorta di augurio indirizzato al presidente uscente. A questo proposito, Di Virgilio ha dichiarato: «Ho scelto di aggiungere il cartello alla statuina perché spero al più presto che questa crisi di governo rientri, così da permettere al Presidente Conte di affrontare i problemi causati dalla pandemia da coronavirus».