San Siro, Salvini: abbatterlo è insulto alla storia

Mch

Milano, 21 set. (askanews) - "Abbattere San Siro è un insulto alla cultura e alla storia, non solo calcistica, ma della tradizione. San Siro è il calcio nel mondo, va bene il business però abbattere pezzi di storia non fa parte del mio modo di essere". Così Matteo Salvini ha bocciato l'idea di abbattere San Siro, come proposto da Milan e Inter.

Salvini, noto tifoso rossonero, ha rivelato di aver sentito il presidente del Milan Paolo Scaroni, al quale ha manifestato le sue perplessità. "Guarderò il progetto con assoluto interesse - ha aggiunto Salvini - C'è bisogno di un nuovo stadio e farò l'impossibilità perché al nuovo stadio, di cui Milano ha bisogno, si accompagni la salvaguardia di un patrimonio storico e mondiale come San Siro". Per questo ha detto di voler chiedere "a nome della Lega che San Siro non sia abbattuto e che si salvi la storia dello sport".

Intanto, in previsione del derby della Madonnina in agenda stasera, Salvini ha detto che sarà allo stadio insieme a suo figlio. Previsioni? "Vincerà l'Inter: auguri...", ha concluso scaramanticamente l'ex ministro dell'Interno.