Sanchez e Iglesias firmano l'accordo per il governo in Spagna. Ma si reggerà sulle astensioni

Federica Olivo

L’accordo c’è ma, più che sugli obiettivi e sui temi, si reggerà sulle astensioni. A meno che Pedro e Pablo non riescano nell’intento, quasi impossibile, di allargare la coalizione al punto da arrivare a quota 176, la soglia minima per la maggioranza assoluta alle Cortes. Il leader socialista spagnolo Pedro Sanchez e il leader di Podemos Pablo Iglesias hanno firmato al Congresso l’intesa raggiunta per la formazione di un governo di coalizione. Il copione sembra simile a quello già visto ad aprile, ma questa volta sembra che le parti abbiano voglia di andare fino in fondo. Di creare un esecutivo “progressista” che freni l’avanzata dell’estrema destra e che, è convinto il premier uscente, duri per l’intera legislatura. Come, ancora non si sa bene, visto che la legge dei numeri si abbatterà sulla nascente coalizione già dal voto di fiducia. 

Oggi, però, è il giorno dell’ottimismo. Tra i due non c’è freddezza, e lo testimonia il caloroso abbraccio nel quale si sono stretti dopo aver siglato l’accordo. “Sono lieto di annunciare, insieme a Sanchez, un pre-accordo per formare un governo di coalizione progressista che copra l’esperienza del Psoe con il coraggio di Podemos. Questo è il miglior antidoto contro l’estrema destra”, ha dichiarato Iglesias in una conferenza stampa congiunta, nella quale ha aggiunto: “Sanchez conti sulla mia lealtà”.

Secondo quanto scrive El Pais, il leader di Up sarà il vice del vertice dei socialisti nel nuovo esecutivo. Il premier uscente ha affermato: “Sarà un governo progressista o niente. Un governo progressista, che comprende le forze progressiste, che lavori per il progresso”. E ancora: ”È un accordo per quattro anni, di legislatura. Sarà basato sulla coesione e la lealtà e aperto al resto delle forze politiche per costruire una maggioranza parlamentare”.

Sanchez e Iglesias si sono visti ieri sera in una riunione tenuta segreta durante la quale hanno raggiunto un patto per...

Continua a leggere su HuffPost