Sangiuliano: "Nuovi bandi per il personale dei musei puntando sui giovani e sul digitale"

no credit

AGI - "La cultura può diventare una vera e propria industria economica del Paese e dare un apporto fondamentale all'economia italiana e al Pil, finora lo si è fatto poco e invece diventare un'economia aggiuntiva". Queste le parole del ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, intervistato a SkyTg24. Sangiuliano ha citato come esempio gli ingressi nei musei: "Possiamo incrementare se non raddoppiare il dato di 240 milioni di euro all'anno pre-pandemia e reinvestire quello che ricaviamo per dare più servizi ai turisti e ai cittadini".

Gli atti di vandalismo

Il ministro è intervenuto anche sulla questione delle azioni degli attivisti per l'ambiente all'interno dei vari musei d'Europa. "Non c'entra nulla la cultura con questi
episodi che ho già pubblicamente censurato
. Sono atti insensati di vandalismo".

E ancora: "Se uno ha cura all'ambiente, come me del resto, deve pensare che nell'ambiente ci sono anche le opere d'arte. Tutelare l'ambiente non significa tutelare solo la natura, ma anche le opere di Leonardo, Michelangelo, Giotto e Van Gogh. Si tratta di atti insensati anche se si vuole dare una ragione nobile come quella dell'ambiente. Pubblicassero articoli, libri e volantini sull'ambiente se vogliono far sentire la loro voce".

Personale sottodimensionato

Sangiuliano ha annunciato nuovi bandi perché "il personale dei musei è al momento sottodimensionato rispetto alle piante organiche, qualcosa sta
già cambiando". Il ministro ha spiegato che "C'è stato un concorso di 1052 unità quasi tutte assunte" e "altre 500 sono arrivate dalle liste di collocamento e ipotizzo nuovi concorsi da bandire e assunzioni a tempo determinato per il Pnrr", che ha stanziato 6,7 miliardi per cultura e turismo.

"Il mio impegno è riportare o comunque molto incrementare la pianta organica dei musei puntando soprattutto sui giovani, che sono nativi digitali e che hanno una formazione importante dalle nostre universita' superiore anche ad altri Paesi".

Sui musei gratis, puntualizza. "Credo che gli italiani siano già molto generosi per quanto riguarda i prezzi dei musei, a partire dall'ingresso gratuito ogni prima domenica del mese. Ora persino il Moma di New York che era gratuito fa pagare 25 dollari e salire sulla Torre di Pisa costa meno che salire sulla Tour Eiffel", ha osservato il ministro, "non vedo perché non si possano chiedere 17,50 euro per visitare un luogo straordinario come il Parco archeologico di Pompei".