Sangue nelle feci: dalle cause ai sintomi

Sangue nelle feci: le cause e i sintomi

La presenza del sangue nelle feci può indicare danni all’integrità dei vasi sanguigni in una determinata area del colon, ma non è l’unica causa che bisogna sospettare. Varie malattie infettive possono scatenare questo sintomo. Senza dimenticarsi che i tumori, sia benigni che maligni. La ragione potrebbe anche essere legata ai prodotti alimentari che una persona ha consumato il giorno prima. Per esempio, la frutta verde o quella rossa è in grado di dare un colore differenti alle feci. In quel caso non bisogna affatto preoccuparsene: nella maggior parte dei casi si tratta di un sintomo che passerà da solo.

Sangue nelle feci: dalle cause ai sintomi

Le cause di sanguinamento e della presenza del sangue nelle feci sono diverse. Il sanguinamento può essere espresso debolmente o raggiungere delle abbondanti concentrazioni. Molto dipende dall’età della persona e dal suo stile di vita. Se il sanguinamento si verifica non nella mucosa rettale, ma in altre parti dell’intestino, il sangue acquista un colore marrone scuro o nero. Le ragioni per la comparsa di tali secrezioni sono a loro volta differenti. Ad esempio, questo sintomo si manifesta durante una malattia chiamata colite ulcerosa. In questo caso, ci sono delle strisce di sangue sia nelle feci liquide che in quelle solide.

Un sanguinamento eccessivo può essere un segno di colite ischemica o diverticolosi del retto. Se c’è dal sangue in maniera del tutto sporadica e questo non si mescola con le feci, forse abbiamo a che fare con una normalissima overdistension oppure di una piccola rottura di capillari dell’ano a causa di feci troppo grandi e/o dure. In questo caso non è necessaria una visita dal medico: la cura avviene in modo spontaneo. Tuttavia, esiste il pericolo del cosiddetto sangue nascosto, che può interessare il tratto gastrointestinale. In questo caso, la malattia è probabilmente un’ulcera duodenale o un’ulcera allo stomaco. Al minimo sospetto di queste malattie è necessario passare immediatamente a un controllo. A seconda della quantità del sangue, della consistenza, di come si trova nelle feci e, ovviamente, anche del suo colore è possibile individuare una condizione patologica univoca fornendo ai pazienti la possibilità di curarsi.

Sangue nelle feci: diagnosi

Per chiarire la diagnosi prescritta viene utilizzata la radiografia gastrointestinale, la colonscopia e l’ecografia del colon. Per esaminare le parti superiori del sistema digestivo è necessario contattare un gastroenterologo. Lo specialista intervisterà il paziente per i reclami, sentirà l’addome nella protezione dell’intestino tenue e dello stomaco. Inoltre, il medico può prescrivere esami come: l‘elettrocardiogramma; esame all’ultrasuono dell’intestino tenue e dello stomaco.

Tra le altre analisi:

  • analisi delle feci sulle uova di elminti;
  • analisi del sangue occulto nelle feci;
  • esame rettale nelle divisioni inferiori;
  • esame dell’ano da parte del proctologo;
  • la sigmoidoscopia.

Il trattamento

Poiché la causa del sangue nelle feci può essere rappresentata da varie malattie, è impossibile individuare una singola direzione del trattamento. La cosa più importante è non lasciare nulla al caso, consultare immediatamente un medico e fare un’analisi microbiologica delle feci, che aiuterà a stabilire esattamente la diagnosi corretta. Dopo un’analisi approfondita della situazione, viene fatta una diagnosi e quindi viene trattata la malattia sottostante, che ne ha causato la comparsa. Durante il trattamento si raccomanda di escludere i prodotti che possono danneggiare meccanicamente o chimicamente il tratto gastrointestinale.

A volte i medici prescrivono una dieta speciale: serve per ristabilire l’integrità delle mucose. In alcuni casi viene persino prescritta un’attenta (e continua) igiene anale, utile per ridurre la carica batterica, potenzialmente dannosa. I farmaci antibiotici vengono prescritti per prevenire le infezioni e gli interventi chirurgici rappresentano una delle soluzioni più estreme: il bisturi è usato solo in casi di lacerazioni molto gravi.