Sanità, al via Centro malattie endocrine e obesità Gemelli Giglio Cefalù

·1 minuto per la lettura

Ha preso il via ieri l'attività del Centro di malattie endocrine e obesità del Gemelli Giglio di Cefalù, con l'apertura degli ambulatori di chirurgia bariatrica e di chirurgia endocrina. Il centro è diretto da Marco Raffaelli, ordinario di chirurgia generale all'università Cattolica e direttore dell'Unità operativa complessa di chirurgia endocrina e metabolica del Policlinico Gemelli Irccs di Roma, e si avvale per la sezione di endocrinologia e metabolismo di Mia Luvico e per la sezione di chirurgia endocrina e dell'obesità di Luca Sessa, entrambi del Gemelli di Roma.

"E' un'attività - ha spiegato Raffaelli - che viene svolta con un team multidisciplinare composto anche da professionisti già presenti al Giglio". Il centro si occuperà di patologie della tiroide, delle paratiroidi, del surrene, di obesità e patologie correlate. Quest'oggi sono stati visitati i primi 16 pazienti provenienti da diverse province della Sicilia, oltre che da Palermo, Agrigento, Caltanissetta e Ragusa, affetti da grave obesità e da patologia tiroidea. "Sono state fatte le prime valutazioni con il team multidisciplinare - ha aggiunto Raffaelli - in vista della programmazione dell'attività chirurgica sia dell'obesità che delle patologie delle ghiandole endocrine, prevista per la prima settimana di settembre. In alcuni casi gli interventi verranno eseguiti con tecnica robotica".

"E' il secondo centro Gemelli Giglio a partire - ha affermato il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano - Questo ci consente di ampliare l'offerta sanitaria con un partner d'eccellenza come il Gemelli, offrendo la stessa qualità di cure nella nostra struttura". Lo scorso 16 giugno è stato avviato il Centro di chirurgia del pancreas e colorettale con il primo intervento con tecnica robotica eseguito su un paziente siciliano dal direttore del centro, Sergio Alfieri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli