Sanità, D'Amato (Lazio): "Nuove regole privacy o rischio fallimento digitalizzazione"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 nov. (Adnkronos Salute) – "Senza nuove regole sulla privacy fallisce la stratificazione del rischio per i bisogni di salute, compromettendo lo sforzo che si sta facendo per utilizzare al meglio i fondi del Pnrr, potenziando la sanità del territorio". A lanciare l'allarme è l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, a margine del convegno 'Accelerare la Sanità digitale' presso la Galleria del Cardinale a Roma.

"Oggi il Lazio – spiega D'Amato – ha un dettaglio della stratificazione del rischio della sua popolazione molto avanzato ed è un problema grande quello rappresentato dal divieto imposto dal Garante della Privacy che ha aperto una procedura nei confronti di Lazio, Puglia, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Toscana, Veneto e Provincia Autonoma di Bolzano, nell’ambito dell’elaborazione di metodologie predittive dell’evoluzione del fabbisogno di salute. Mi permetto di dire – sottolinea l'assessore – che, o c'è un salto di qualità alla ricerca di un nuovo equilibrio, oppure la digitalizzazione del Servizio sanitario non farà passi in avanti verso quella medicina di iniziativa e la presa in carico dei cronici, che rappresenta oltre la metà dei costi della sanità. Rivolgo un appello al ministro della Salute affinché su questo argomento assuma una posizione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli