Sanità, Emilia-Romagna prima in Italia per progetti finanziati

red/Rus

Roma, 2 ago. (askanews) - La Regione Emilia-Romagna conferma il proprio impegno e determinazione nella ricerca in campo medico. Dopo la pubblicazione degli esiti del bando per la ricerca finalizzata 2018, indetto dal ministero della Salute, che ha visto l'Emilia-Romagna ancora una volta in vetta alla classifica, la Giunta ha dato il via libera all'attivazione delle convenzioni tra il ministero, la stessa Regione, i ricercatori vincitori e gli enti del Servizio sanitario.

Anche quest'anno l'Emilia-Romagna è prima per numero di progetti presentati al bando del ministero (147) e per quelli approvati e finanziati (23, oltre l'11% del numero complessivo), con un pacchetto di risorse che supera gli 8 milioni di euro. Si tratta, nel dettaglio, di 18 progetti di ricerca clinica e 5 borse di studio (starting grant) per ricercatori alla prima esperienza, con età inferiore ai 33 anni. A livello nazionale sono stati erogati più di 93 milioni, destinati a finanziare 197 progetti di ricerca e 38 borse di studio under 33. A questi si aggiungono due Programmi di Rete, cofinanziati dalla Regione, cioè programmi considerati altamente innovativi e con un elevato impatto sul Servizio sanitario nazionale.

"Dopo aver ottenuto un risultato che ci rende davvero orgogliosi, perché premia i nostri ricercatori e tutto il nostro sistema sanitario- commenta l'assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-, proseguiamo con gli adempimenti tecnico-giuridici necessari per disciplinare le attività progettuali previste. Non c'è futuro senza ricerca: come Regione ci crediamo- sottolinea Venturi- e facciamo la nostra parte".(Segue)